Browsing Tag

Mérida

Arqueología Extremadura Itinerarios Viajes

Festival Internacional de Teatro Clásico de Mérida

FESTIVAL INTERNACIONAL DE TEATRO CLÁSICO DE MÉRIDA

Buongiorno amici! Oggi torno a scrivere in italiano per parlare d’ Extremadura in Italiano.
Il tema che vorrei trattare oggi è relazionato con una delle manifestazioni culturali più importanti d’ Extremadura, sto parlando naturalmente del Festival Internacional de Teatro Clásico de Mérida. Il festival si realizza nei mesi estivi tra luglio e agosto nel teatro romano di Mérida (per sapere di piú sopre la città ti consiglio la lettura di Mérida l’antica colonia di Augusta Emerita) ed uno dei festival con piú tradizione di tutta la Spagna è senza dubbio il piú importante nel suo genero.

Le rappresentazioni delle opere del festival si realizzano nei mesi estivi di luglio e Agosto nel teatro romano di Mérida. Il teatro romano della città emeritense può ospitare sino a 3000 persone sedute. Venne costruito sul colle di San Albín, la cui inclinazione favorisce l’acustica della costruzione, per ordine del generale Agrippa intorno all’anno 15-16 a.C. La scena presenta tre porte di accesso e un podio alto più di due metri e mezzo. Attualmente è il teatro, che funciona come tale, piú antico del mondo. Nel 1993 il teatro fu dichiarato per l’Unesco patrimonio dell’umanità.

L’edizione di quest’anno è la numero 63. Il festival iniziò la sua andatura nel 1933 con la rappresentazione di Medea di Seneca. Nel 1934 si realizzò la seconda edizione peró a partire dal 1935 il festival venne sospeso per 19 anni dovuto alle tensioni politiche e la guerra civile spagnola. Il festival torno a realizzarsi a partire dal 1954 sino ai nostri giorni.

Il festival viene diretto dal 2012, con grandi risultati di pubblico e critica, dalla Pentación Espectáculos diretta per Jesús Cimarro come direttore e con Pedro Blanco come gerente. Quest’anno ho avuto il piacere di assistere alla prima del festival con la rappresentazione dell’ Orestea, tradotta e adattata allo spagnolo per il poeta Luis García Montero. La rappresentazione in una cornice come quella del teatro di Mérida provoca una emozione unica per una persona come me amante della cultura, del patrimonio e della cultura greco-latina. Se anche voi amate queste tematiche vi invito vivamente a provare questa esperienza.


Il festival negli ultimi anni realizza rappresentazioni anche in altri teatri e cittá romane della regione nello specifico a Medellin, Caparra e Regina. Per avere tutte le informazioni sul programma date, attività relazionate con il festival vi consiglio visitare la web del festival Festival Internacional de Teatro Clásico de Mérida.

Ciudades Extremadura Historia Itinerarios Viajes

Mérida l’antica colonia di Augusta Emerita

Mérida l'antica colonia di Augusta Emerita

Salve cari amici oggi in Extremadura Italiano parleremo della capitale della regione Mérida, antica colonia romana nota con il nome Augusta Emerita e capitale della provincia romana Lusitania durante il periodo dell’impero romano.

Dopo aver lasciato Cáceres e il suo splendido centro storico (per saperne di piú  leggi qui) continuiamo il nostro viaggio per l’autovia A-66 direzione Mérida. Dopo un tragitto di circa un’ora in macchina arriveremo nell’antica capitale della Lusitania romana Augusta Emerita, l’odierna Mérida capitale d’ Extremadura (per saperne di più leggi: Extremadura in Italiano.)

extremadura

trajecto

Sotto le insegne romane Mérida iniziò subito un periodo di grande splendore sì da divenire negli ultimi anni del regno di Augusto una delle più importanti città di tutto l’impero. Per questo e per i suoi imponenti monumenti è stata chiamata la Roma Spagnola. Era situata sulla cosiddetta via de la Plata (“via dell’argento”), che univa la Cantabria alla Betica. Centro ricchissimo, venne dotato di un grande teatro, di un anfiteatro e di un circo.

Le vestigia romane sono ancora oggi ben visibili in tutto il centro emeritense.  La cittá fu fondata nell’anno 25 a. C. da Augusto a favore dei veterani delle legioni V e X e prese il nome di Colonia Augusta Emerita. La sua situazione naturale con la presenza di un fiume navigabile la metteva in diretta comunicazione col mare e quindi con Roma, e per la sua ricca rete stradale che la congiungeva con tutti i centri maggiori della penisola, la fece prosperare rapidamente. Ausonio ne magnifica la potenza e la ricchezza. La cittá continuò a prosperare durante la tardo antichitá diventando uno dei centri di riferimento del cristianesimo spagnolo. Durante gli anni del regno visigoto la cittá continuò la sua ascesa fortificando la sua posizione di primo piano nella penisola Iberica. La decadenza della città arrivo con la dominazione musulmana quando cadde sotto il potere di Mūsā Ībn Nūṣair. La dominazione musulmana durò fino al 1228, quando la città fu conquistata da Alfonso IX. Ma quella araba fu l’epoca della sua decadenza, dalla quale non doveva più sollevarsi.

DSC_0249

Oggi il Complesso archeologico di Mérida è uno dei più grandi siti spagnoli ed è stato dichiarato Patrimonio Mondiale dall’Unesco nel 1993. Nelle prossime entrate dedicate a Merida vedremo e analizzeremo nei dettagli molti di questi splendidi monumenti giunti sino a noi.

DSC_0026

Scavi fondamenta della Basilica di Santa Eulalia

DSC_0039

Circo Massimo

DSC_0087

Anfiteatro

DSC_0212

Teatro di Mérida

DSC_0126